Suscettibilità al dissesto franoso, Provincia di Roma

Nome del progetto:
Realizzazione di un database e di cartografie tematiche, in formato vettoriale, delle frane e della suscettibilità al dissesto franoso, relativamente a due aree campione (corrispondenti a due contratti diversi) rappresentative del settore sud orientale del territorio della Provincia di Roma.
Paese: Località:
Italia Provincia di Roma
Committente:
Provincia di Roma – Assessorato alle Politiche Agricole e Ambientali – Dipartimento V, Servizio 4 “Geologico”
Scopo del progetto:
Individuare i parametri condizionanti la stabilità dei versanti e dei fattori scatenanti il dissesto; realizzare una banca dati contenente i tematismi prodotti nel corso del progetto e un progetto GIS per la sua gestione e realizzare una carta di suscettibilità al dissesto franoso.
Composizione del Raggruppamento:
ATI fra GEOMAP e Firenze Agristudio Srl, Firenze, con la collaborazione del Dipartimento di Scienze Geologiche dell’Università Roma Tre (primo contratto); GEOMAP (secondo contratto)
Personale Coinvolto:
4 geologi fotointerpreti, 2 esperti GIS.
Numero di mesi/uomo:
24 di cui 1 di attività di terreno
Fasi del progetto:
Realizzazione di una Carta Geologica alla scala 1:10.000 conforme alle norme CARG; derivazione dalla carta geologica di una Carta Litotecnica contenente la classificazione delle unità geologiche in base al loro comportamento meccanico e di una Carta delle Coperture.
Realizzazione di un Censimento/Carta dei Fenomeni Franosi, alla scala 1:10.000, per fotointerpretazione e rilevamento sul terreno, guidato da un’analisi preliminare dei dati d’archivio. Classificazione delle frane nelle cinque categorie di Varnes più i fenomeni di soliflusso. Derivazione, per ogni categoria, di un layer dei punti instabili, cioè i punti d’innesco di ciascun fenomeno, ai quali sono associati i dati relativi a litologia, pendenza, esposizione, assetto degli strati, tettonica e copertura del suolo.
Analisi della suscettibilità ai fenomeni franosi, per le sei tipologie di frana, in ambiente GIS, attraverso la valutazione dei parametri discriminanti (pendenza e geolitologia) che definiscono le UTLM (Unità Territoriali Lito-Morfometriche), cioè le condizioni necessarie ma non sufficienti per il verificarsi di una certa tipologia di dissesto e i parametri predisponenti, cioè le condizioni geomorfologiche, morfometriche, litotecniche, tettoniche e di copertura del suolo che concorrono, direttamente o indirettamente, ad aggravare le condizioni di stabilità, ma non sono sufficienti a determinarla;
Realizzazione della Carta di Suscettibilità ai fenomeni franosi per ciascuna tipologia di frana.
Indagine storica degli eventi franosi per analizzare le relazioni tra gli eventi di dissesto e i fenomeni d’innesco, quali piovosità e sismicità.
Inizio (mese/anno): Fine (mese/anno): Valore del servizio:
4/2008 5/2013 € 72.000,00